Burani Fratti Associati – Quattro Castella (RE)

Abbiamo incontrato il Geom. Armano Fratti e con lui abbiamo parlato dello Studio Burani Fratti Associati. Una realtà reggiana che – dagli anni Sessanta – si occupa di progettazione edilizia a 360°

Nato a metà degli anni ’80, grazie allo spirito imprenditoriale e dalla lungimiranza dei suoi fondatori Gian Marco Burani ed Armano Fratti, lo Studio Burani e Fratti coinvolge ora figure professionali diverse per responsabilità, mansioni, età e formazioni professionali. L’Arch. Valeria Burani ora è a capo del team di progettazione.

Oggi siamo una decina di persone tra architetti, ingegneri, geometri ed amministrativi. Più una serie di collaboratori esterni che ci aiutano nella gestione di tutte le specifiche attività che compongono un progetto edilizio. Anni fa bastava semplicemente la figura del “tecnico”. Oggi questo non è più possibile: sono necessarie specifiche figure professionali per la gestione di tutte le attività.
Noi, affidandoci ai nostri collaboratori – interni ed esterni – siamo in grado di essere comunque l’unico referente con cui i nostri clienti si rapportano”.

L’attività dello Studio

Grazie alla professionalità delle risorse impiegate ed alla metodologia di lavoro tesa alla massima soddisfazione della clientela, lo Studio Burani Fratti è in grado di gestire ed elaborare un intero processo creativo, dalla fase di studio di fattibilità alla fase esecutiva, dalla gestione dei costi e dei lavori fino all’idea di «prodotto finito», garantendo una progettazione multidisciplinare, con un approccio dinamico in grado di garantire un elevato livello qualitativo nel rispetto dei tempi e dei costi.
“Ci occupiamo di edilizia a 360° compreso l’amministrazione dei condomini grazie ad una società interna al nostro studio. Noi operiamo in tutto quello che è edilizia: dalla piccola pratica comunale sino al più complesso progetto architettonico”.
Il team dello Studio dispone delle più sofisticate e moderne attrezzature hardware e software per lo sviluppo della progettazione, partendo dall’analisi dei siti di intervento sino ad una più specifica ricerca e controllo dei componenti costruttivi, avvalendosi inoltre di collaborazioni esterne e consulenze specialistiche di comprovata validità nei settori complementari.

La certificazione energetica e il Superbonus 110%

All’interno del nostro studio tre persone – compreso il sottoscritto – si sono specializzate nella certificazione energetica ben prima dell’avvento del Superbonus 110%.
Così, grazie a questa nostra specializzazione – e alla collaborazione di termotecnici di fiducia – abbiamo creato un team dedicato alla gestione dei progetti che possano ottenere i benefici del Superbonus 110%. Abbiamo strutturato questo team, come dicevo, prima dell’avvento di questa opportunità.  E lo abbiamo fatto perché siamo convinti che il nuovo modo di costruire debba essere di qualità a partire dalla formazione dei professionisti che disegnano un progetto.  E, di qualità, devono essere tutte le singole – anche le più piccole – fasi di gestione del progetto sino alla sua realizzazione finale”.

Sono molti i progetti che abbiamo attualmente in corso che beneficeranno del Superbonus 110% sia su singole case private che su condomini. Devo dire che i condomini sono più difficili da gestire, soprattutto, se non hanno un amministratore. L’amministratore condominiale, oggi più che mai, hanno un ruolo importantissimo: diventa l’unico interlocutore in tutte le fasi della progettazione e dei lavori da realizzare. E, a beneficio dei condomini stessi, ha un’importante responsabilità in tutte le fasi per l’ottenimento del Superbonus 110%.

Progetti per il futuro

“Implementare lo studio per un servizio a 360° nel settore dell’edilizia di qualità. Ci sono giovani professionisti che stanno crescendo e ai quali stiamo cercando di trasferire quel bagaglio di conoscenze e di esperienza che, purtroppo, la scuola non riesce a offrire.
Ovviamente il SuperBonus 110% sta dando una spinta importante verso l’assunzione di nuovo personale preparato nel nostro studio. Sono convinto che anche dopo la fine dei benefici ottenibili con il Superbonus ci sarà ancora tanto da fare: basta girare per le nostre città e guardare lo stato delle facciate della maggior parte degli edifici. Credo che questa opportunità possa essere l’occasione per far comprendere, anche ai meno esperti, quanto sia importante costruire (e ristrutturare) bene.
Basti pensare alle auto: quello che erano optional, anche molto costosi, di 10 anni fa ora sono inseriti nei modelli base. E questo perché le persone hanno capito il valore di certi allestimenti e li hanno pretesi nella scelta di un modello di auto”.

Come approcciarsi ad un progetto di recupero

“Io credo che ci voglia molta informazione sul costruire bene e sul recupero.  Non può e non deve essere solo una questione economica. Ovviamente l’impatto economico ha la sua parte, ma deve essere secondo al benessere abitativo interno.  Chi sceglie di abitare una casa deve avere ben chiaro quanto il benessere termo-igrometrico sia la base, l’elemento da cui partire per creare un progetto.
E alla fine, in termini economici, avremo anche un risparmio sulle future spese di riscaldamento e raffrescamento. E, nemmeno questo, è un aspetto da sottovalutare!”.

Attualmente, come è facile immaginare, lo studio Burani e Fratti si occupa più di ristrutturazioni che di nuove realizzazioni. I piani di espansione dei comuni non prevedono più nuove lottizzazioni; di conseguenza, le nuove realizzazioni sorgono su terreni che erano edificabili da almeno dieci anni.
“La Provincia di Reggio Emilia, inoltre, ha deliberato che non si possa più togliere terreni agricoli a favore di terreni edificabili. È, quindi, facile intuire quanto le ristrutturazioni giocheranno sempre più un ruolo fondamentale in futuro. E quando parlo di riqualificazioni e ristrutturazioni mi riferisco a progetti attenti al benessere ambientale di chi vi abiterà e all’ambiente che ci circonda.
Infine, vorrei sottolineare un aspetto che ritengo molto importante in un progetto di recupero. Il miglioramento della vulnerabilità sismica. Ovviamente per noi progettisti è molto più complicato progettare una riqualificazione che consideri anche questo fondamentale aspetto. Ma credo che sia un dovere e non un onere rendere le abitazioni sicure vista la sismicità della nostra nazione”.

Lo Studio Burani e Fratti e Aeropan

Curiosità e aggiornamento tecnico costante sono due tra i pilastri che fondano la nostra attività. L’Aerogel è il materiale isolante più performante al mondo. E ho conosciuto Aeropan cercandolo tra i prodotti a base di Aerogel. Fortuna ha voluto anche un mio amico fosse funzionario di zona di questo prodotto e ho iniziato, con lui, ad utilizzarlo come materiale di supporto agli isolanti tradizionali soprattutto per l’eliminazione dei ponti termici. Successivamente viste le caratteristiche tecnico-prestazionali senza eguali ho deciso di utilizzarlo per la riqualificazione energetica di casa mia.
I risultati finali sono esattamente come mi aspettavo. Il confort igrometrico è migliorato in maniera importante. Non è più necessario alzare il riscaldamento la mattina per potersi alzare senza la spiacevole sensazione di freddo. Lo stesso di notte: con il riscaldamento al minimo la temperatura interna scende meno di un grado durante le ore notturne. A conferma, questo, della validità delle opere eseguite per il miglioramento termico della palazzina.
Non è stata una scelta difficile considerando i risultati ottenuti”.

© Studio Logos Agenzia - www.studiologos.eu - Ama Composites S.r.l. P.iva 02905040362
Info Online
Invia su WhatsApp