Il materassino isolante flessibile in Aerogel

Aeroproof è un panello progettato per l’isolamento termico e la preparazione del supporto per la successiva impermeabilizzazione di tutte le tipologie di coperture piane e a falda sia in fabbricati civili che industriali.
Aeroproof è un pannello isolante ad alte prestazioni costituito da un isolante nanotecnologico a base Aerogel accoppiato a una membrana bituminosa che garantisce un ottimo isolamento termico, ottima resistenza alla compressione, stabilità dimensionale e un primo strato impermeabile.

Aeroproof è idoneo ad essere successivamente sfiammato per permettere l’applicazione di successivi strati di guaina bituminosa.
I pannelli Aeroproof vengono solitamente applicati alla copertura mediante incollaggio o fissaggio meccanico; ultimata la posa, mediante rinvenimento a fiamma della guaina sottostante, si completerà l’impermeabilizzazione attraverso l’applicazione di uno più strati di membrana bituminosa, normale o autoprotetta.

CAPITOLATO PER IMPERMEABILIZZAZIONE COPERTURE PIANE E A FALDA

Realizzazione di isolamento termico e impermeabilizza-zione di copertura piana o a falda costituito da un pan-nello semirigido preaccoppiato, formato da uno strato di Aerogel di silice rinforzata con fibre di vetro (feltro), del tipo Aeroproof, idrorepellente e traspirante, accoppiato ad una guaina bituminosa armata con velovetro del peso di 2 Kg/m2, fornito in pannelli da mm 1400×720, per uno spessore totale nominale di mm 10 (o in pannelli aventi spessore di 20 mm, 30 mm, 40 mm, 50 mm, 60 mm) con conduttività termica pari a 0,015 W/mK, resistenza ter-mica Rd pari a 0,67 m2K/W a cm di spessore, temperatu-ra di impiego compresa fra -90°C / +90°C, impermeabile all’acqua di superficie e/o di immersione con angolo di contatto all’acqua non inferiore a 150°, steso su superfici piane, orizzontali, a falda previa preparazione del piano di posa, posa del pannello e della barriera vapore o auto-livellante, di spessore minimo 4 cm armato con apposita rete o fibre.

LE COMPONENTI FONDAMENTALI PER UNA POSA PERFETTA

Tutte le fasi della posa in opera Aeroproof

Verifica dello stato del supporto esistente

Verificare la planarità delle superifici e provvedere a pa-reggiare eventuali dislivelli fortemente irregolari Verificare e garantire la continuità e la sigillatura di eventuali giunti di dilatazione.
In caso di superfici particolarmente polverose applicare una mano di primer.

Stesura dei pannelli
Procedere alla posa dei pannelli preferibilmente a giunti sfalsati, con il lato più lungo parallelo alla linea di gronda e trasversale alla linea di pendenza.
Nel caso di coperture con manto impermeabile a vista sarà opportuno evitare che la linea di giunzione tra i pannelli coincida con eventuali discontinuità del piano di posa (es. giunzioni tra tegoli o solai prefabbricati). Le membrane vanno posate sempre trasversalmente alla direzione di posa/sfalsamento dei pannelli e longitudi-nalmente alla direzione di pendenza della copertura. É inoltre possibile la posa dei pannelli a spina di pesce che consente la stesura dell’elemento di tenuta in en-trambe le direzioni.
Per un’approfondita descrizione delle modalità di posa si veda la norma UNI 11442.

Fissaggio
Nelle applicazioni in copertura, soprattutto sotto mem-brane impermeabili a vista, è importante che lo strato isolante sia adeguatamente fissato alla struttura.
Nel caso di sistemi impermeabili a vista l’adesione tra pannello, barriera al vapore e struttura deve essere sem-pre superiore, o almeno pari, a quella tra pannello e membrana impermeabilizzante.
I pannelli Aeroproof possono essere fissati con diverse modalità in funzione delle condizioni applicative e del tipo di manto di copertura utilizzato.
Adesione: collanti o schiuma poliuretanica.
Usando collanti poliuretanici o schiume monocom-po-nenti in bombolette formare una serie di cordoli conti-nui distanziati di circa 15 cm.
Adagiare quindi il pannello ed esercitare un’adeguata pressione.

Meccanico: mediante tasselli o altri elementi di fissaggio
Per il corretto dimensionamento dei punti di fissaggio si rimanda alle indicazioni della norma UNI 11442. Posizionare i fissaggi agli angoli, ad una distanza di al-meno 100 mm dal bordo ed almeno 2 fissaggi centrali. Il tipo di fissaggio, tasselli, viti, viti autofilettanti, chiodi, ecc., varia in funzione del tipo di supporto.
Per l’utilizzo di tasselli si raccomanda che la placchetta/rondella di contrasto abbia una superficie utile ≥ 30 cm2 e, nel caso di manti impermeabili applicati a caldo, sia costituita da materiali resistenti alla temperatura previ-sta dall’applicazione.

Posa del manto di finitura
Successivamente alla posa dei pannelli ed al loro fissag-gio, procedere alla stesura del manto di finitura a caldo (membrana armata) in senso trasversale alla posa dei pannelli.

AREA DOWNLOAD

© Studio Logos Agenzia - www.studiologos.eu - Ama Composites S.r.l. P.iva 02905040362
Info Online
Invia su WhatsApp